GRAZIE!!!

GRAZIE !!!

 

Come ogni anno ci ritroviamo fisicamente segnati ad esprimere sentitamente un ringraziamento a tutti gli attori che hanno contribuito alla riuscita di una delle più belle (a nostro giudizio) edizioni di Bascherdeis.

Il pubblico, innanzitutto. Oltre 20.000 persone hanno pacificamente invaso un paese che conta poco più di 600 abitanti – e che ha strutture e servizi tarati per 600 abitanti, non dimentichiamolo – sopportando innumerevoli disagi quasi sempre col sorriso sulle labbra. Certo, non sono mancate critiche giustificate a volte anche accese, ma non ci stanchiamo mai di sperare che abbiano un fine costruttivo che possa spingerci ad apportare di anno in anno quei miglioramenti sostenibili che rendano il Festival sempre migliore.  A tutti quanti – ma proprio a tutti – un grazie di cuore.

E che dire dei volontari? Un esercito di oltre 250 persone (quasi la metà dell’intero paese) che con sorprendente ed insostituibile competenza si è messo a disposizione per tre intere giornate al fine della buona riuscita della manifestazione. Tra questi, con tutta la modestia che è d’obbligo,  inseriamo anche la nostra Associazione perchè intendiamo precisare ancora una volta – a scanso di ogni possibile equivoco – che anche Appennino Cultura è composta in modo esclusivo da volontari. Sotto i termini altisonanti di Direzione Artistica, Presidenza, Segreteria, Direzione Organizzativa ecc. si nasconde un gruppo di amici che, come sempre,  ha lavorato per molti mesi cercando di portare a termine con fatica ed indubbiamente con successo una impresa bellissima e gratificante. Se poi qualcuno (giornalista, musicista od altro) vuole comunque sminuire il nostro operato disquisendo su un filosofico snaturamento di Bascherdeis, faccia pure; vorremmo però sentire la sua voce anche quando le Istituzioni Pubbliche e gli Organi di informazione ci ignorano, forse perché geograficamente collocati in una valle sbagliata e senza Santi protettori alle spalle.

Poi ringraziamo il Comune di Vernasca, che nonostante le difficoltà derivanti dal momento storico in cui viviamo è riuscito a ritagliare all’interno dei propri obblighi istituzionali uno spazio dedicato al Festival.

Ed ancora la Ditta Vetrucci di Lugagnano V.A. che, come ogni anno, anche per questa edizione ha contribuito alla soluzione di problemi tecnici altrimenti insormontabili.

Poi la Fondazione di Piacenza e Vigevano, che sin dal primo anno si è dimostrata particolarmente sensibile nei confronti della nostra manifestazione.

La lista potrebbe continuare per molte pagine, ma vogliamo terminare con un ringraziamento a tutti gli artisti che, nonostante siano stati catapultati in una moltitudine infinita di persone che ha messo a dura prova la loro indubbia abilità, hanno fornito prestazioni eccezionali ed apprezzatissime.

Infine vogliamo esprimere un grazie anche a chi ha cercato fino all’ultimo di rendere il Festival meno grandioso. Senza questi forse l’organizzazione di Bascherdeis 2016 sarebbe stata un pochino meno divertente.

Arrivederci a…….

 

Lo STAFF di
Appennino Cultura